L’Arco e la Porta delle meraviglie tra Foro Boario e il Velabro

Al tempo del Papa Pio IV, nella metà del ‘500, arrivò a Roma un Goto di cui non si ricorda il nome, con un libro antichissimo nel quale si parlava di un tesoro con il segno di una serpe ed una piccola figura di bassorilievo che da un lato stringeva una cornucopia e dall’altro braccio indicava con l’indice teso la terra. Nel suo affannoso cercare tra i monumenti e le statue di Roma, trovò i segni proprio su di un fianco dell’arco. Si precipitò dal Papa  e chiese l’autorizzazione a scavare . Il Papa concesse tale privilegio a patto che il tesoro se trovato doveva essere consegnato alla città di Roma. Così fatte le dovute promesse iniziò il lavoro .  Aprìuna buca  e trovò una porta che immettevs in un ingresso umido.  Una volta calatosi al suo interno la porta nascosta si chiuse del Goto non si seppe più nulla! Questo è ciò che ci indica la storia, ma…

arco_argentari

Probabilmente, risalgono al Medioevo i numerosi fori che si notano sui pilastri e tra le decorazioni scultoree dell’arco. Perché, era assai diffusa la credenza popolare, in quell’epoca, che effettivamente l’arco nascondesse delle inestimabili ricchezze. Perché un detto popolare citava, “tra la vacca e il toro, troverai un gran tesoro”, e tali animali effettivamente erano rappresentati proprio su quest’arco e in nessun altro. E quei fori attestano realmente la volontà di tanti di trovare un tesoro fatto di monete d’oro e gemme nascosto al suo interno dai ricchissimi Argentarii.

5804277963_3e18fdd15a_z

Ma il Mistero non finosce qui. Nel 1601 di fronte all’ingresso di San Giorgio Al Velabro, una donna improvvisamente sentì il terreno mancarle sotto i piedi. Non fece  in tempo ad avanzare di un passo che sfrofondò. Nessuno riuscì più a ritrovarla. Forse quello sprofondo non sarebbe altro che l’uscita di sicurezza usata dal Goto per fuggire.

Tra Foro Boario e il Velabro in tempi lontani c’era la palude fluviale e il pastore Faustolo raccolse Romolo e Remo.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...